Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Header - Logo CIA

Ricerca

 

Area Riservata

 
 


Colonna Centrale: Contenuti

Percorso corrente:

20 novembre 2007
Cia Brindisi
OLIVETI SUPERINTENSIVI IN PUGLIA: GIORNATA DIMOSTRATIVA DI RACCOLTA A FASANO (BR)

superintensivoperscianet.JPG

Nei prossimi giorni farà il suo esordio in Puglia la nuova “Gregoire G167” per la raccolta di olive in impianti superintensivi.

Una vera e propria novità nel settore su un modello di allevamento altrettanto innovativo capace di rivoluzionare la filiera del processo della coltivazione olivicola in Puglia, perché in grado di portare all’abbattimento consistente dei costi di produzione in generale e, più in particolare, dei costi di raccolta.

Per presentare questa innovazione l’Università degli Studi di Bari – Facoltà di Agraria  insieme alla Cia (Confederazione italiana agricoltori) Puglia, alla Olint e alla Kverneland Group Italia srl che ha messo a disposizione la macchina, ha organizzato – nell’ambito di una “Tre giorni con la nuova Gregoire G167 in oliveti superintensivi di Puglia” che si terrà a livello regionale – una giornata dimostrativa che, per le province di Brindisi, Lecce e Taranto, si svolgerà Sabato 24 Novembre a Pozzo Faceto, in agro di Fasano (Brindisi), in un campo sperimentale realizzato nell’azienda agricola Maria Cenci “Masseria Ciccolucci” dove tra il 2004 ed il 2005 un oliveto plurisecolare di 30 ettari a sesto largo ed irregolare è stato infittito con un oliveto superintensivo monovarietale.

Nel corso di questa giornata dimostrativa (le altre due in Puglia si svolgeranno a Cerignola per la provincia di Foggia e a Cassano Murge per quella di Bari), che rappresenta il seguito del primo convegno svoltosi sempre a Fasano il 9 Marzo 2004 sul tema “Olivo superintensivo: una alternativa alla olivicoltura tradizionale”, saranno illustrati possibilità e limiti del nuovo modello di olivicoltura superintensiva che è stato messo a punto in Spagna nel 1993 e che nel giro di 15 anni si è diffuso su circa 50 mila ettari nel mondo.

Il programma della giornata prevede per Sabato 24 Novembre alle ore 9 presso la Sala Convegni della Cooperativa “Progresso Agricolo” (Contrada Sant’Angelo a Fasano) l’apertura dei lavori con l’intervento di Donato Petruzzi, Vice Presidente regionale vicario della Cia Puglia, a cui seguiranno le relazioni tecniche del prof. Angelo Godini (Direttore Dipartimento Scienze delle Produzioni Vegetali dell’Università di Bari) su “Perché l’olivicoltura superintensiva?”, del prof. Francesco Bellomo (Dipartimento Pro.Ge.Sa. dell’Università di Bari) su “Il modo di operare della macchina”, e di Eleonora Benassi (Amministratore Delegato della Kverneland Group Italia srl) su “La Gregoire in agricoltura”.

A seguire alle ore 10.30 presso l’Azienda Agricola Maria Cenci “Masseria Ciccolucci” (Strada Provinciale Pozzo Faceto-Torre Canne Km. 1) si terrà la prova dimostrativa di raccolta delle olive in continuo con la presentazione in campo della nuova Gregoire G167.


I Nostri Partner:

CIA - Confederazione Italiana Agricoltori
-
-
CIHEAM - IAMB (apertura in una nuova finestra)
-
Codita (apertura in una nuova finestra)

Finanziatori:

Regione Puglia
spacer
Unione Europea
intervento cofinanziato dall'U.E. F.E.S.R. sul POR Puglia 2000-2006
Misura 6.2 POR Puglia
Azione C "Sviluppo delle imprese e delle professioni"
Valid HTML 4.01 Transitional 
-
Valid CSS! 
-
Level Triple-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

-
Cia Puglia, Via S. Matarrese, 4 - 70124 Bari - Tel 080.5616025 Fax 080.5641379 COD. FISC. 80016260723 - info@scianet.it
www.scianet.it é una testata giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa del Tribunale di Bari al n° 37/07.
Direttore responsabile: Antonio Barile