Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Header - Logo CIA

Ricerca

 

Area Riservata

 
 


Colonna Centrale: Contenuti

Percorso corrente:

09 luglio 2007
POLITICHE AGRICOLE, SOCIALI E FISCALI
IL NUOVO PSR 2007 - 2013

PSN2007-2013.jpg

Dopo le convulse giornate di consultazione del partenerariato la Giunta regionale Pugliese, lo scorso 26 giugno 2007, ha approvato il Nuovo PSR 2007-2013. La dotazione di risorse pubbliche per il piano è pari a circa 1.480 milioni di euro che dovrebbero generare investimenti superiori ai 2 milioni di euro.

La Cia Puglia ha presentato alcune  proposte tendenti a migliorare il Piano frutto delle tante assemblee ed incontri. Le forti aspettative delle imprese agricole circa una politica di discontinuità rispetto al passato, che può verificarsi nella misura in cui si avrà la capacità di disegnare una strategia di sviluppo territoriale e settoriale nuova per l’agricoltura pugliese.

Il processo di programmazione della politica di sviluppo rurale per il periodo 2007-2013,  ormai definito  il percorso a livello nazionale e regionale  (PO FESR ed FSE), deve recuperare il ritardo per una partenza puntuale delle azioni di intervento nei territori rurali. Il pacchetto finanziario, certamente ridotto rispetto alle aspettative, ma comunque imponente per la nostra Regione nei prossimi sette anni, deve rappresentare lo stimolo per una maggiore finalizzazione su obiettivi strategici e condivisi. La Cia Puglia ritiene indispensabile che nel  Piano di Sviluppo rurale vi sia un equilibrio e  una coerenza strategica degli obiettivi, azioni e interventi, nonché di risorse, tra imprese, territorio e filiere.

Il PSR  deve necessariamente mettere al centro l’impresa Agricola professionale. La nuova programmazione perciò deve puntare a risolvere i punti di debolezza strutturali dell’agricoltura regionale, altrimenti gli interventi si traducono in palliativi temporanei che non consentiranno l’adeguamento dell’impresa ai cambiamenti che hanno interessato e interesseranno il mercato. Lo sviluppo rurale deve mettere l’impresa al centro della propria strategia di intervento. Un’impresa che stringe un legame con il territorio nel quale opera, valorizzandone i prodotti e che da questo legame trae la propria competitività e il proprio valore aggiunto. Di seguito riportiamo l'intero Piano di Sviluppo Rurale e il documento riassuntivo della Cia Puglia.

 

PSR 2007_2013 PRIMA PARTE

 

PSR 2007_2013 SECONDA PARTE

 

PSR 2007_2013 ALLEGATI

 

PSR 2007_2013 VALUTAZIONE EX ANTE

 

PSR 2007_2013 VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA

 

IL PIANO DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 DELLA PUGLIA IN SINTESI

 


I Nostri Partner:

CIA - Confederazione Italiana Agricoltori
-
-
CIHEAM - IAMB (apertura in una nuova finestra)
-
Codita (apertura in una nuova finestra)

Finanziatori:

Regione Puglia
spacer
Unione Europea
intervento cofinanziato dall'U.E. F.E.S.R. sul POR Puglia 2000-2006
Misura 6.2 POR Puglia
Azione C "Sviluppo delle imprese e delle professioni"
Valid HTML 4.01 Transitional 
-
Valid CSS! 
-
Level Triple-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

-
Cia Puglia, Via S. Matarrese, 4 - 70124 Bari - Tel 080.5616025 Fax 080.5641379 COD. FISC. 80016260723 - info@scianet.it
www.scianet.it é una testata giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa del Tribunale di Bari al n° 37/07.
Direttore responsabile: Antonio Barile