Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 

Chiudi Minimizza News Cia - GALLERIE FOTOGRAFICHE

14 settembre 2006

GRANDI COMUNICATORI PER “COMUNICHIAMO L’AGRICOLTURA”

“Comunichiamo l’agricoltura”: è stato questo il tema del convegno svoltosi mercoledì 13 settembre nell’ambito della 70.ma edizione della Fiera del Levante di Bari. L’iniziativa, organizzata dalla Confederazione Italiana Agricoltori di Puglia, si è svolta presso la sala Unioncamere ed ha visto la partecipazione di autorevoli relatori del mondo della informazione e della comunicazione pugliese. Ad aprire i lavori è stato il presidente regionale della C.I.A. Antonio Barile. “Le problematiche della comunicazione in agricoltura interessano l’intero paese – ha esordito Barile in apertura -. La buona comunicazione in questo settore deve inserirsi in un contesto legato ad una strategia che deve tendere a dare impulso all’agricoltura. Non dobbiamo solo veicolare negatività – ha continuato Barile – ma anche e soprattutto positività”. Di “salto da fare insieme” ha parlato il direttore del Tg di Telenorba Enzo Magistà che ricordando come “quando si parla di agricoltura quasi sempre si parla di negatività perché ogni stagione ha la sua crisi” ha evidenziato come “i telespettatori si siano stancati di vedere in televisione solo le strade bloccate dai trattori”. “La gente vuol sapere che cosa ci dà l’agricoltura di buono e di tranquillizzante – ha detto Magistà -. C’è bisogno di una comunicazione che dia consigli utili ai consumatori, che dia garanzie sui prodotti e che deve servire a promuovere i nostri prodotti di eccellenza”. Un discorso ripreso anche dall’assessore regionale alle risorse agroalimentari Enzo Russo che ha sottolineato come “tra produttore e consumatore ci deve essere un filo diretto. La comunicazione da mettere in piedi deve penetrare nella famiglia per far conoscere i nostri prodotti di qualità”. Nel ricordare come la Regione Puglia sta rilanciando il progetto di educazione alimentare nelle scuole primarie Russo ha confermato che si sta lavorando “costruire un paniere di prodotti di eccellenza da promuovere con il marchio “Prodotti di Puglia”, con il quale faremo anche marketing territoriale”. È toccato, poi, al vicepresidente regionale della C.I.A. di Puglia Franco Catapano coordinatore del progetto Scianet presentare il portale dell’agricoltura pugliese realizzato proprio dalla C.I.A. “La comunicazione deve attraversare meglio le imprese agricole per farle evolverle – ha dichiarato Catapano -. È provato, infatti, che le imprese più informate mantengono un livello di reddito maggiore”. Catapano, poi, ha rimarcato gli aspetti caratterizzanti del portale www.scianet.it e cioè la presenza di informazioni aggiornate, la tempestività e la competenza delle stesse, l’assistenza tecnica che viene fornita via web, le informazioni e lo scambio di conoscenze tra agricoltori, le previsioni meteo e tante altre peculiarità. Il caporedattore del Corriere del Mezzogiorno di Puglia Maddalena Tulanti ha snocciolato una serie di suggerimenti da seguire per fare un’ottima comunicazione. “Noi cerchiamo le eccezioni non le regole – ha detto Tulanti -, sia in positivo che in negativo”. Raffaele Lorusso, invece, redattore de “La Repubblica” ed esponente della Federazione Nazionale della Stampa ha evidenziato che “per comunicare meglio la bontà dei nostri prodotti occorre mettere in moto un circuito che vada oltre il settore agricolo, coinvolgendo magari altri settori come quello turistico”. E a tal proposito Lorusso ha ricordato proprio l’esempio della California che comunica le proprie attività agricole attraverso altri settori quali il turismo e la grande distribuzione. A concludere i lavori del convegno è stato il presidente nazionale della C.I.A. Giuseppe Politi. “Dobbiamo comunicare i valori del fare agricoltura – ha sottolineato Politi – sia gli aspetti negativi che quelli positivi senza esagerare. Dobbiamo far capire ai consumatori ed alla società che dietro il prodotto offerto ci sono tutti i valori dell’agricoltura, c’è storia, territorio, tradizioni, ambiente e tutto quello di cui le giovani generazioni hanno bisogno”.

A conclusione della iniziativa il presidente Barile ha premiato con un cesto di prodotti tipici pugliesi i “buoni comunicatori in agricoltura”, attribuendo tale titolo a 4 “pilastri dell’informazione agricola pugliese”: Idolo Cavaggion (Teleregione), Roberto De Petro (Agri 7 Telenorba), Luciano Sechi (A.G.I.) e Dionisio Ciccarese (Direttore Antenna Sud).