Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Header - Logo CIA

Ricerca

 

Area Riservata

 
 


Colonna Centrale: Contenuti

Percorso corrente:

20 novembre 2012
IMU GLI AGRICOLTORI CHIEDONO MASSIMA CHIAREZZA. IL GOVERNO DEVE RISPETTARE GLI IMPEGNI ASSUNTI

Imu.jpg

Il presidente della Cia Giuseppe Politi scrive al sottosegretario all’Economia Vieri Ceriani. I produttori devono sapere quanto pagare. Occorre che sia rispettata la “clausola di salvaguardia”. Nella categoria c’è grande incertezza soprattutto davanti alla “babele” di decisioni adottate dai comuni.

 

“Sull’Imu agricola vogliamo la massima chiarezza. Gli agricoltori devono sapere quanto pagare. Il governo deve rispettare gli impegni assunti nei mesi scorsi nei confronti della categoria con la cosiddetta ‘clausola di salvaguardia’. Un’esigenza questa che diventa ancora più indispensabile davanti alla ‘babele’ di decisioni adottate dai comuni, alcuni dei quali hanno portato l‘aliquota al livello più alto (10,6 per mille) sui terreni agricoli”. E’ quanto chiede il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi in una lettera inviata al sottosegretario all’Economia Vieri Ceriani.

Politi manifesta preoccupazione per gli effetti che “una confusa applicazione dell’Imu sul mondo agricolo rischia di provocare”. “Purtroppo -scrive il presidente della Cia- le scelte compiute da alcune amministrazioni comunali stanno comportando notevoli tensioni: basti citare, ad esempio, i disordini intervenuti a seguito della decisione del comune di Sanremo di applicare l’aliquota massima Imu del 10,6 per mille sui terreni agricoli, con un incremento del prelievo impositivo sei, sette volte superiore a quello dell’Ici”.

“Sono delibere -afferma ancora Politi- che creano una legittima preoccupazione che potrebbe acuirsi nell’imminenza dell’ormai ravvicinata data del saldo (17 dicembre). Questo anche se le aliquote relative ai fabbricati rurali strumentali e ai terreni agricoli non possono ritenersi definitive in quanto il governo ne ha stabilito l’eventuale revisione (ad opera di un decreto del Presidente del Consiglio da emanarsi entro il prossimo 10 dicembre) sulla base dell’andamento del gettito Imu derivante dal pagamento della prima rate e sulla base delle risultanze dell’accatastamento”.

Il presidente della Cia chiede, quindi, al sottosegretario Ceriani, nel rispetto della “clausola di salvaguardia”, “un impegno nell’anticipazione dei termini del decreto, ben consapevoli che la disponibilità di dati certi si avrà solo a partire dal prossimo 30 novembre, termine per l’accatastamento dei fabbricati rurali ad oggi iscritti nel catasto terreni”.

Politi ritiene, inoltre, che, pure in assenza di dati definitivi, “una preventiva comunicazione del gettito prodotto dai terreni agricoli in sede di primo acconto Imu, unita ad una stima del gettito atteso derivante dai fabbricati rurali ad oggi presenti nella banca dati del catasto, possa contribuire a creare un clima di confronto più disteso rendendo gli agricoltori maggiormente consapevoli dei margini di azione a disposizione del governo”.

Nella lettera, dunque, il presidente della Cia rileva che, pur comprendendo l’impossibilità di rinviare a fine dicembre il saldo dell’imposta, “occorre mettere gli agricoltori nella condizione di poter ottemperare al pagamento Imu, nel rispetto del precetto normativo, sul presupposto di sostenibilità del peso impositivo, pienamente consapevoli del proprio diritto ad una revisione delle aliquote d’imposta qualora quelle stabilite dai comuni dovessero infrangere il limite di contribuzione aggiuntiva posto a carico del settore agricolo”.

Un’eventualità, quest’ultima, che rischia -scrive Politi- di verificarsi. Da qui la richiesta al sottosegretario all’Economia “di intervenire rapidamente così da consentire ai possessori di fabbricati rurali strumentali e di terreni agricoli la determinazione del saldo Imu su presupposti migliorativi”.

 

Fonte: Cia nazionale

Notizie


I Nostri Partner:

CIA - Confederazione Italiana Agricoltori
-
-
CIHEAM - IAMB (apertura in una nuova finestra)
-
Codita (apertura in una nuova finestra)

Finanziatori:

Regione Puglia
spacer
Unione Europea
intervento cofinanziato dall'U.E. F.E.S.R. sul POR Puglia 2000-2006
Misura 6.2 POR Puglia
Azione C "Sviluppo delle imprese e delle professioni"
Valid HTML 4.01 Transitional 
-
Valid CSS! 
-
Level Triple-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

-
Cia Puglia, Via S. Matarrese, 4 - 70124 Bari - Tel 080.5616025 Fax 080.5641379 COD. FISC. 80016260723 - info@scianet.it
www.scianet.it é una testata giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa del Tribunale di Bari al n° 37/07.
Direttore responsabile: Antonio Barile