Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 

Chiudi Minimizza News Cia - Cia Nazionale

05 novembre 2012

AGRICOLTURA IN CONTROTENDENZA. L’OCCUPAZIONE CRESCE DEL 6,2%

La Cia commenta i dati Istat: nelle campagne ci sono grandi potenzialità da sfruttare. Il governo deve riservare più attenzione alle imprese agricole, oggi frenate da pesanti costi.

 

Nonostante la crisi grave e persistente, l’agricoltura continua ad esser l’unico settore controtendenza e a creare occupazioni di lavoro. Nel secondo trimestre del 2012 si è, infatti, avuta una crescita di occupati pari al 6,2 per cento. E questo dimostra che il comparto è estremamente vitale e può fare anche di più con le sue grandi risorse e potenzialità. E’ quanto sostiene la Cia-Confederazione italiana agricoltori in merito ai dati dell’Istat sull’occupazione a settembre.

Nelle campagne, a differenza di industria e servizi, c’è ancora possibilità di lavoro e ciò -commenta la Cia- può essere sfruttato da parte del governo con interventi mirati che consentano agli imprenditori agricoli di riprendere a “marciare” e di aprire le porte ai tanti lavoratori che sono stati, purtroppo, espulsi dagli altri settori produttivi.

Per questo motivo chiediamo al governo -rimarca la Cia- di investire davvero sul mondo agricolo, dando vita a una vera politica di sviluppo. Bisogna affrontare e sciogliere i “nodi” che frenano il settore, a partire dai costi di produzione praticamente raddoppiati rispetto a un anno fa, dai prezzi all’origine non ancora remunerativi e da una burocrazia “elefantiaca” che pesa sull’agricoltura per 4 miliardi di euro l’anno. Senza dimenticare l’Imu sui terreni e sui fabbricati rurali, una sorta di “patrimoniale in campo” che però tassa quelli che per i produttori sono strumenti di lavoro.

Nel dettaglio, il risultato del comparto nel periodo tra aprile e giugno 2012 -spiega la Cia- è il frutto dell’aumento degli occupati nei campi soprattutto al Nord (+13,7 per cento) e al Sud (+3,5 per cento), mentre il Centro registra un calo del 3,2 per cento. Crescono in particolare le posizioni lavorative dipendenti (+10,1 per cento), concentrate prima di tutto nel Settentrione (+23,4 per cento), mentre le posizioni autonome si fermano al +2,9 per cento, “resistendo” al Nord (+10,1 per cento) ma crollando nel Centro Italia (-12,3 per cento).

 

Fonte: Cia Nazionale