Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Header - Logo CIA

Ricerca

 

Area Riservata

 
 


Colonna Centrale: Contenuti

Percorso corrente:

29 ottobre 2012
Cia Taranto
SICUREZZA ALIMENTARE A TARANTO

FOTO%20DI%20REPERTORIO.jpg

Sicurezza e Qualità: questo è il motto degli agricoltori della provincia di Taranto, come risposta al ministro dell’Ambiente. La Cia Confederazione Italiana Agricoltori di Taranto si fa carico del problema sollevato dal ministro dell’Ambiente, investendo e attivando i livelli più alti dell’organizzazione agricola, spostando il dibattito a livello nazionale. Molti dei nostri prodotti sono certificati da enti terzi, quindi controllati dalla produzione al consumo; il tutto è supportato dai controlli che l’ASL esegue sul nostro territorio in modo scrupoloso e con metodi scientifici. Infatti, proprio il Direttore del Dipartimento di Prevenzione della ASL TA/1 Michele Conversano, qualche giorno fa in diretta telefonica in una trasmissione televisiva su Studio 100 TV, ha dichiarato che i prodotti agricoli della provincia di Taranto sono tra i più controllati e che non risultano essere contaminati, anche perché proprio la eventuale presenza di polveri viene eliminata facilmente, lavando o sbucciando, a seconda i casi, il prodotto agricolo. Vogliamo evidenziare ai consumatori e al Ministro che le normative Italiane sulle produzioni agricole sono le più rigide e che sono rispettate alla lettera dai nostri  produttori. Il comparto agricolo della provincia di Taranto, impiega circa 30.000 unità lavorative l’anno: quindi, in termini occupazionali, sicuramente è di gran lunga uno dei settori trainanti della nostra economia in questo momento di crisi. Inoltre, nella nostra provincia, l'agricoltura sta svolgendo un ruolo di vero e proprio ammortizzatore sociale nei confronti della crisi Ilva e delle altre attività economiche, poiché numerosi operai licenziati vengono sistematicamente occupati in agricoltura. Pertanto non permetteremo a nessuno di speculare e di spostare il problema ambiente,  su un comparto che garantisce qualità e sicurezza alimentare. La catena alimentare nella provincia di Taranto non è mai stata a rischio, essendo sempre sottoposta a controlli delle autorità preposte sugli standard di sicurezza alimentare e di qualità che, peraltro, contraddistinguono i nostri prodotti in tutto il mondo. Il vicepresidente della Cia di Taranto Franco Passeri fa rilevare che la nostra organizzazione difenderà i prodotti e i produttori che hanno investito in conoscenze e tecnologie e saputo portare a livelli mondiali, per qualità e sicurezza, l'agricoltura e i prodotti tipici come l’uva da tavola, gli ortaggi, gli agrumi per la catena del fresco, il vino e l’olio per quella dei trasformati, con un ritorno economico non indifferente per il territorio jonico e l'intera economia del Paese.


I Nostri Partner:

CIA - Confederazione Italiana Agricoltori
-
-
CIHEAM - IAMB (apertura in una nuova finestra)
-
Codita (apertura in una nuova finestra)

Finanziatori:

Regione Puglia
spacer
Unione Europea
intervento cofinanziato dall'U.E. F.E.S.R. sul POR Puglia 2000-2006
Misura 6.2 POR Puglia
Azione C "Sviluppo delle imprese e delle professioni"
Valid HTML 4.01 Transitional 
-
Valid CSS! 
-
Level Triple-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

-
Cia Puglia, Via S. Matarrese, 4 - 70124 Bari - Tel 080.5616025 Fax 080.5641379 COD. FISC. 80016260723 - info@scianet.it
www.scianet.it é una testata giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa del Tribunale di Bari al n° 37/07.
Direttore responsabile: Antonio Barile