Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Header - Logo CIA

Ricerca

 

Area Riservata

 
 


Colonna Centrale: Contenuti

Percorso corrente:

31 luglio 2012
Cia Taranto
MASSERIE SOTTO LE STELLE........INSIEME CON LA PIZZICA

foto%20masserie%20sotto%20le%20stelle._.insieme%20con%20la%20pizzica%20(1).jpg

 

Grande successo ha avuto l'iniziativa Masserie sotto le stelle....insieme con la pizzica organizzata dalla Cia Confederazione Italiana Agricoltori e dall'Associazione Culturale “Gaia” con il patrocinio dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Castellaneta. Il tour delle masserie organizzato in autobus, uno partito da Castellaneta e l'altro da Castellaneta Marina, è cominciato alle 19.30 e si è concluso alle 2.00 circa, in una bellissima e stellata sera d'estate. La prima azienda ad essere visitata è stata quella di proprietà della Società  Le Grotte di Sileno avente una superficie di 27 ettari coltivati ad olivo, vite e seminativo ubicata  in contrada Le Grotte, qui gli ulivi secolari molto belli e maestosi fanno da cornice al sito archeologico scoperto di recente a seguito degli scavi fatti per il metanodotto. Gli alberi di ulivo definiti monumentali dalla Regione Puglia sono vere e proprie sculture viventi ed hanno un fascino particolare che nulla hanno da invidiare ai monumenti storici delle nostre città. In azienda due archeologhe la dott.ssa Antonella Cassano e la dott.ssa Cosima Castronovi hanno fatto passeggiare i circa 80 partecipanti al tour fra gli ulivi, fornendo loro tutte le informazioni relative agli scavi fatti; gli stessi sono stati poi ricoperti per carenza di fondi e anche per evitare eventuali furti dei tombaroli. Una vera e propria città agricola sotterranea con frantoio, cantina, tombe interrate e sarcofagi, monete preziose di primo conio mai messe in circolazione (che si trovano ora presso il museo di Taranto). Vi è stata poi la visita alla capanna preistorica realizzata con foglie e argilla, in cui era stata allestita una mostra fotografica degli scavi e le testimonianze ritrovate. Dopo la visita il titolare dell'azienda ha offerto ai presenti rustici, vino bianco Chardonnay dal nome commerciale “Controra” prodotto nella sua azienda e commercializzato con il marchio Le Grotte di Sileno. Fra gli altri l'azienda sta ultimando i lavori per la realizzazione di un Bed e Breakfast che sarà fruibile nei prossimi mesi. La visita è proseguita a sud di Castellaneta verso il mare, per la Masseria Perronello al confine con il territorio del Comune di Ginosa, una tenuta di circa 50 ettari, in cui si coltivano frumento, agrumi, olivi, ortaggi e diversi alberi da frutta. Al centro dell'azienda esiste un caseggiato costruito nella metà del secolo scorso, con un ampio piazzale in cui è situata una fila imponente di alberi di eucalipto di circa 50 anni; l'azienda è di proprietà della famiglia Antohi. La Masseria è diventata da qualche anno un Bed e Breakfast e dal 2012 è stata riconosciuta dalla Regione Puglia come zona addestramento cani da caccia con sparo. Pertanto nei campi coltivati si può portare il proprio cane per addestrarlo sulla selvaggina locale (quaglie, starne e fagiani). Quasi 50 ettari divisi in campi di addestramento a disposizione degli amanti della caccia. Durante l'anno si organizzano gare e competizioni a livello locale e nazionale.  Appena giunti in azienda il Direttore della Cia Vito Rubino ha fatto rilevare l'importanza di questa iniziativa organizzata per far conoscere il territorio e le proprie bellezze e per cercare di spingere gli operatori a diversificare l'attività agricola cercando di fare sistema fra i diversi operatori. Il titolare dell'azienda Stefano Antohi ha raccontato la storia della masseria e le sue origini, fra gli altri un episodio di brigantaggio. Infatti, alcuni briganti che si nascondevano in quelle zone dove c'era il bosco e la palude, riuscirono a tendere un imboscata ad un battaglione di soldati che si erano recati lì per catturarli, i soldati furono circondati, spogliati letteralmete e lasciati “in mutande”. Dopo l'illustrazione i presenti hanno potuto degustare mozzarelle realizzate al momento dal casaro Piero Tigri componente dell'Associazione Gaia, provolone, salsiccia e vino di qualità dell'azienda Le Grotte di Sileno. L'ultima azienda ad essere visitata è stata quella denominata Umberto Primo un antico fabbricato risalente al 1922; all'epoca comprendeva una superficie agricola pari a quattrocento ettari di proprietà di Giovanni Lassandro di Santeramo, dal 1975 è stato poi acquistato dalla famiglia Lillo ed attualmente la superficie agricola è di 15 ettari. Appena giunti in Masseria il Gruppo di danze popolari dell'Associazione Gaia guidato da Maria De Benedictis e Carmela Losito hanno accolto gli ospiti con una serie di balli della tradizione popolare. Dopodiché un intervento di Vito Rubino, la descrizione della Masseria fatta da Vincenzo Lillo e un saluto dell'Assessore alla Cultura del Comune di Castellaneta Annarita Dettorre che ha molto apprezzato questa iniziativa organizzata da Cia e Gaia ed ha invitato a proseguire su questa strada. Nel corso della descrizione Vincenzo Lillo e sua moglie Michelina hanno spiegato ai presenti che nell'azienda si producono ortaggi,  agrumi, uva e si realizza la trasformazione di quanto prodotto in marmellate e confetture varie, commercializzate con il nome di Tocchi di Puglia. I presenti hanno peraltro potuto apprezzare ed assaggiare quanto prodotto. Dopo la descrizione dell'azienda è iniziata la degustazione di involtini di melanzane e di un buonissimo risotto ai frutti di mare realizzato dallo chef Giuseppe Perniola componente dell'Associazione “Gaia”, il risotto è stato accompagnato da un vino aleatico molto apprezzato e dal curioso nome commerciale “sciupafemmine”. Sono proseguiti i balli da parte del gruppo dell'associazione Gaia con il coinvolgimento del pubblico presente ed al termine, una pizzica ed una quadriglia comandata in dialetto Castellanetano. L'iniziativa è ben riuscita ed è stata molto apprezzata dai presenti e dai titolari delle masserie visitate, al punto da prenotarsi subito per la seconda edizione.  

foto%20masserie%20sotto%20le%20stelle._.insieme%20con%20la%20pizzica%20(2).jpg foto%20masserie%20sotto%20le%20stelle._.insieme%20con%20la%20pizzica%20(3).jpg foto%20masserie%20sotto%20le%20stelle._.insieme%20con%20la%20pizzica%20(4).jpg

I Nostri Partner:

CIA - Confederazione Italiana Agricoltori
-
-
CIHEAM - IAMB (apertura in una nuova finestra)
-
Codita (apertura in una nuova finestra)

Finanziatori:

Regione Puglia
spacer
Unione Europea
intervento cofinanziato dall'U.E. F.E.S.R. sul POR Puglia 2000-2006
Misura 6.2 POR Puglia
Azione C "Sviluppo delle imprese e delle professioni"
Valid HTML 4.01 Transitional 
-
Valid CSS! 
-
Level Triple-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

-
Cia Puglia, Via S. Matarrese, 4 - 70124 Bari - Tel 080.5616025 Fax 080.5641379 COD. FISC. 80016260723 - info@scianet.it
www.scianet.it é una testata giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa del Tribunale di Bari al n° 37/07.
Direttore responsabile: Antonio Barile