Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Header - Logo CIA

Ricerca

 

Area Riservata

 
 


Colonna Centrale: Contenuti

Percorso corrente:

30 giugno 2011
SALUTE DEI PENSIONATI: INCONTRO DELL’ANP CIA ALLA REGIONE PUGLIA

sede%20consiglio%20reg.le%20puglia.jpg

I rappresentanti della Anp (Associazione Nazionale Pensionati) della Cia Puglia hanno incontrato nei giorni scorsi la delegazione regionale del Partito Democratico composta dal segretario regionale Sergio Blasi, dal capogruppo in consiglio regionale Antonio Decaro, dall’assessore regionale al Bilancio Michele Pelillo e dai consiglieri regionali Dino marino, Pino Romano, Ruggiero Mennea.

Le problematiche poste dalla delegazione della Anp – Cia Puglia sono state diverse e tutte direttamente collegate alla condizione di disagio vissuta dalle centinaia di migliaia di pensionati pugliesi, relativamente soprattutto alla domanda di salute: tickets, liste d’attesa, medicina territoriale, diagnostica.

Nel corso dell’incontro, che è stato introdotto dal presidente dell’Anp Puglia Mauro Zaccheo, è stata fatta emergere la condizione di estremo disagio in cui si trovano migliaia e migliaia di pensionati pugliesi.

L’anziano oggi, nel sistema sanitario pugliese, appare residuale e quando la condizione è aggravata da una invalidità cronica, la residualità diventa insostenibile come costo per la stessa famiglia.

Gli sforzi che l’Associazione pensionati della Cia Puglia ha messo in campo sono legati al rilancio della figura del medico di famiglia ritenuto a ragione strategico per il sistema sanitario. Per questi motivi l’Anp – Cia ha sottoscritto il protocollo d’intesa con la organizzazione sindacale dei medici di famiglia più rappresentativa in Puglia, la Fimmg.

Inoltre l’Anp – Cia Puglia, nel corso dell’incontro, ha chiesto al gruppo regionale del Pd una attenzione particolare per riprendere l’azione di costruzione dei servizi territoriali con particolare riferimento a quelle realtà interessate alla dismissione di reparti o stabilimenti con il Piano di rientro sanitario. L’Anp – Cia Puglia ha chiesto, inoltre, il rilancio di tutta la elaborazione prevista nei Piani Attuativi Locali.

La delegazione del Pd nell’apprezzare il lavoro di interfaccia con i pensionati pugliesi svolto dalla Anp – Cia Puglia, si è impegnata a riprendere quella elaborazione e subito dopo il rinnovo del management delle Asl pugliesi a renderla operativa in ogni distretto socio-sanitario.

Nell’informare che l’Assessorato regionale alla Sanità (su iniziativa del Gruppo Pd) ha già intrapreso un azione di parziale rettifica dei ticket imposti dal Piano di rientro, il Pd, ritenendo tale rettifica ancora insufficiente, ha comunicato che, una volta quantificato il risparmio su base annua, intraprenderà, alla ripresa autunnale, una azione politica che allarghi la forbici degli aventi diritto alle esenzioni in materia sanitaria almeno sino a redditi di 12 mila euro annui.

In conclusione le delegazioni hanno assunto l’impegno di attivare un tavolo di verifica almeno una volta al mese. Questo per rendere operativi gli impegni assunti ed anche per monitorare costantemente la condizione dell’anziano di fronte alla domanda di sanità.

Notizie


I Nostri Partner:

CIA - Confederazione Italiana Agricoltori
-
-
CIHEAM - IAMB (apertura in una nuova finestra)
-
Codita (apertura in una nuova finestra)

Finanziatori:

Regione Puglia
spacer
Unione Europea
intervento cofinanziato dall'U.E. F.E.S.R. sul POR Puglia 2000-2006
Misura 6.2 POR Puglia
Azione C "Sviluppo delle imprese e delle professioni"
Valid HTML 4.01 Transitional 
-
Valid CSS! 
-
Level Triple-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

-
Cia Puglia, Via S. Matarrese, 4 - 70124 Bari - Tel 080.5616025 Fax 080.5641379 COD. FISC. 80016260723 - info@scianet.it
www.scianet.it é una testata giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa del Tribunale di Bari al n° 37/07.
Direttore responsabile: Antonio Barile