Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Header - Logo CIA

Ricerca

 

Area Riservata

 
 


Colonna Centrale: Contenuti

Percorso corrente:

20 maggio 2011
ESENZIONE DAL TICKET SANITARIO PER REDDITO – NUOVE MODALITA’

ticket.jpg

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze con decreto dell’11 dicembre 2009 ha attivato un nuovo  sistema automatizzato per la verifica del diritto alle esenzioni in base al reddito.

La disposizione sulle nuove modalità di accertamento non ha modificato l’elenco degli aventi diritto che risultano essere gli stessi previsti dalla Legge n. 537 del 1993, ovvero bambini di età inferiore a 6 anni che appartengono ad un nucleo familiare con reddito fino a euro 36.151,98 lordi annui; anziani di età superiore a 65 anni che appartengono a un nucleo familiare con reddito fino a 36.151,98 euro annui lordi; i titolari di assegni sociali ed i loro familiari a carico; i titolari di pensioni minime oltre i 60 anni e i loro familiari a carico; le persone disoccupate e che sono iscritte alle liste di collocamento, e i loro familiari a carico purché appartenenti a un nucleo familiare con reddito lordo inferiore a 8.263,31 euro. Se è presente il coniuge, il limite massimo sale a 11.362,05 euro. Questo limite aumenta di 516,5 euro per ogni figlio o altro familiare a carico. Sono considerati familiari a carico il coniuge, le persone con redditi non superiori a 2840,51 euro lordi annui, i figli minori di 18 anni o minori di 26 anni, se studenti o tirocinanti, i figli inabili al lavoro, i genitori e i familiari conviventi.

Ai fini dell’esenzione per motivi di reddito, si considera il reddito complessivo del nucleo familiare (somma dei redditi dei singoli membri del nucleo), riferito all’anno precedente.

Per “nucleo familiare” si intende quello rilevante a fini fiscali (e non anagrafici), costituito dall’interessato, dal coniuge non legalmente separato e dagli altri familiari a carico.

Per “familiari a carico” sono quelli non fiscalmente indipendenti, vale a dire i familiari per i quali l’interessato gode di detrazioni fiscali (titolari di reddito inferiore a 2.840,51 euro). 

Il termine “disoccupato” è riferito esclusivamente al cittadino che abbia cessato per qualunque motivo (licenziamento, dimissioni, cessazione di un rapporto a tempo determinato) un’attività di lavoro dipendente e sia iscritto all’Ufficio del lavoro in attesa di nuova occupazione.

Nelle Regioni che hanno già recepito il suddetto Decreto il medico prescrittore (medico di famiglia, pediatra o guardia medica), ha accesso alla lista degli esenti e all’atto della prescrizione riporterà  il relativo codice sulla ricetta.

Qualora  un assistito, non risultasse in elenco  ma ritiene di possedere i requisiti per l’esenzione dal pagamento del ticket sanitario per motivi di reddito,  dovrà richiedere alla ASL di appartenenza il rilasciato del certificato provvisorio, previa autocertificazione dei motivi che danno diritto all’esenzione.

Il certificato andrà presentato al medico prescrittore, ed è valido per l’anno solare in corso.

Qualora vengano meno i requisiti che hanno dato origine all’esenzione occorrerà darne comunicazione alla ASL di appartenenza che provvederà a revocare l’esenzione. (es. al momento della cessazione dello stato di disoccupazione ).

Nel caso in cui l’ASL accerti l’insussistenza del diritto all’esenzione, comunica all’assistito l’elenco delle prestazioni fruite indebitamente e il corrispondente ammontare della quota a carico che dovrà  restituire al Servizio sanitario nazionale.

Il cittadino dovrà provvedere al pagamento entro un termine non inferiore a trenta giorni e non superiore a 120 giorni dalla data di ricevimento della comunicazione, oppure esibire alla ASL la documentazione comprovante quanto dichiarato. Durante il periodo di contenzioso, ovvero decorso inutilmente il termine di pagamento, sarà inibito all’assistito l’accesso a nuove prestazioni di specialistica ambulatoriale a carico del Servizio sanitario nazionale fino all’atto della regolazione del debito pregresso.

Pasqua Manfredi


I Nostri Partner:

CIA - Confederazione Italiana Agricoltori
-
-
CIHEAM - IAMB (apertura in una nuova finestra)
-
Codita (apertura in una nuova finestra)

Finanziatori:

Regione Puglia
spacer
Unione Europea
intervento cofinanziato dall'U.E. F.E.S.R. sul POR Puglia 2000-2006
Misura 6.2 POR Puglia
Azione C "Sviluppo delle imprese e delle professioni"
Valid HTML 4.01 Transitional 
-
Valid CSS! 
-
Level Triple-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

-
Cia Puglia, Via S. Matarrese, 4 - 70124 Bari - Tel 080.5616025 Fax 080.5641379 COD. FISC. 80016260723 - info@scianet.it
www.scianet.it é una testata giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa del Tribunale di Bari al n° 37/07.
Direttore responsabile: Antonio Barile