Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Header - Logo CIA

Ricerca

 

Area Riservata

 
 


Colonna Centrale: Contenuti

Percorso corrente:

16 aprile 2011
UN CASO DI AZIENDA ALTERNATIVA: LA NETTI DI PUTIGNANO


Immagini | 1-10 |  11-11 | 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
1.jpg
2.jpg
3.jpg
4.jpg
5.jpg
6.jpg
7.jpg
8.jpg
9.jpg
10.jpg
11.jpg
masseriaNetti.jpg

Una azienda alternativa. Si tratta della azienda di cui è titolare Vincenzo Netti, che ha fatto della sua passione per le energie alternative un motivo di vita e che sta pian piano trasformando la sua azienda da tradizionale agricola ad agroenergetica. Si tratta di uno dei primi esempi in Puglia, che potrete scoprire leggendo questa scheda-intervista. 

1.       Denominazione e localizzazione azienda

 

VINLATT di Netti Vincenzo

PUTIGNANO (BARI)

 

 

2.       Tipo di conduzione

 

Individuale.

 

 

3.       Nome, età del titolare e titolo di studio

 

Vincenzo Netti , 33 anni perito elettronico informatico

 

 

4.       Ha rilevato l’azienda dal padre o dal nonno?

 

Ho rilevato l’azienda da mio padre, che a sua volta l’aveva rilevata da mio nonno.

 

5.       Si è insediato con i premi di primo insediamento del Psr?

 

No.

 

6.       La storia dell’azienda:

 

L’azienda nasce come azienda a vocazione zootecnica. È stata fondata dai miei nonni paterni e poi è passata di generazione in generazione.

 

7.       La destinazione produttiva dell’azienda:

 

Fino ad un anno fa la destinazione produttiva dell’azienda era zootecnica. Attualmente, invece, è cerealicola e frutticola.

 

8.       Che cosa produce?

 

Orzo, grano duro e tenero, colza da olio, ciliegie, mandorle, olio extravergine di oliva, ortaggi vari.

 

9.       Quanto produce?

 

Le produzioni annuali sono le seguenti: 300 quintali di cereali, 30 quintali di olive, 10 quintali di ciliegie “Ferrovia”, 3 quintali di olio extravergine di oliva, 10 quintali di olio di semi di colza.

 

 

10.   Quanto è estesa l’azienda?

 

L’azienda è estesa 12 ettari.

 

11.   I terreni sono di proprietà o vengono condotti in fitto?

 

I terreni sono tutti condotti in affitto.

 

12.   Ha allevamento?

 

Avevo allevamento di vacche da latte bruna alpina e vitelloni da ingrasso.

 

 

13.   È una azienda multifunzionale?

 

Si.

 

 

14.   Se sì oltre all’agricoltura tradizionale in che settore opera?

 

Opero nel settore agroenergetico.

 

 

15.   Rientra in aree protette, parchi naturali e parchi naturali?

 

No.

 

16.   L’organizzazione aziendale (quanti persone vi operano, se a conduzione familiare, quanti dipendenti ci sono):

 

Sono l'unico operatore aziendale.

 

17.   Quante giornate annue impiega?

 

365 giorni l’anno.

 

18.   Ha uno spaccio aziendale?

 

No.

 

 

19.   Come è  organizzata la rete commerciale e come viene piazzato il prodotto?

 

La rete commerciale comprede cooperative e commercianti grossisti, attraverso i quali viene piazzato il prodotto.

 

20.   Somministra alimenti e/o fa ristorazione?

 

No.

 

 

21.   Ma la sua azienda ha una peculiarità: quale?

 

La mia azienda produce energia verde.

 

 

22.   Si spieghi meglio?

 

La mia azienda sta effettuando una graduale conversione da azienda agricola tradizionale ad azienda agroenergetica.

Il tutto consiste nel produrre energia elettrica e termica sfruttando fonti rinnovabili come il sole e il vento per fare energia elettrica da consumare in azienda (e le eccedenze vendute alla rete elettrica). E produrre, invece, energia termica e di trazione per le macchine agricole aziendali sfruttando gli oli vegetali prodotti in azienda (colza). In futuro sono previsti investimenti per valorizzare le biomasse legnose e ortofrutticole per la produzione di biometano, sin-gas e biochar (fertilizzante naturale a sottrazione di CO2)

 

 

23.   Per ritornare alla produzione aziendale: come è andata l’ultima annata agraria?

 

Discretamente bene.

 

 

24.   Quali i problemi e le difficoltà che si incontrano?

 

I problemi principali sono l’eccessiva burocrazia e la scarsa trasparenza sul mercato dei commercianti.

 

 

25.   Quali le soddisfazioni?

 

La soddisfazione principale è quella di condurre una vita qualitativamente tranquilla e sana.

 

 

26.   Quali i programmi per il futuro?

 

Investire nella realizzazione e promozione delle bio e agroenrgie.

 

 

27.   Indicare indirizzo email e numero telefono:

 

vincenzonetti@yahoo.it

080/4053542

 

 

Scheda-intervista redatta da  Giannicola D’Amico

 

 

 

 

Progetto: Difesa del suolo e gestione della risorsa acqua.
Codice POR09VIIIBA21.1 approvato con D.D. n. 262 del 24 dicembre 2009 – BURP n. 23 supp. 1 del 04/02/2010, da Provincia di Bari – Servizio Pubblica Istruzione, Formazione Professionale, Sport, finanziato da Fondo Sociale Europeo


    I Nostri Partner:

    CIA - Confederazione Italiana Agricoltori
    -
    -
    CIHEAM - IAMB (apertura in una nuova finestra)
    -
    Codita (apertura in una nuova finestra)

    Finanziatori:

    Regione Puglia
    spacer
    Unione Europea
    intervento cofinanziato dall'U.E. F.E.S.R. sul POR Puglia 2000-2006
    Misura 6.2 POR Puglia
    Azione C "Sviluppo delle imprese e delle professioni"
    Valid HTML 4.01 Transitional 
    -
    Valid CSS! 
    -
    Level Triple-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

    -
    Cia Puglia, Via S. Matarrese, 4 - 70124 Bari - Tel 080.5616025 Fax 080.5641379 COD. FISC. 80016260723 - info@scianet.it
    www.scianet.it é una testata giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa del Tribunale di Bari al n° 37/07.
    Direttore responsabile: Antonio Barile