Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Header - Logo CIA

Ricerca

 

Area Riservata

 
 


Colonna Centrale: Contenuti

Percorso corrente:

05 maggio 2011
IL “CARO GASOLIO” METTE IN CRISI LE IMPRESE AGRICOLE

CARO%20GASOLIO.jpg

La Cia denuncia la situazione sempre più insostenibile non solo per le serre. Tutte le aziende in grave difficoltà per i continui e vertiginosi aumenti dei prezzi dei prodotti petroliferi. Indispensabile la reintroduzione dell’“accisa zero”. Il “caro gasolio” mette in crisi le imprese agricole. I continui aumenti del carburante (che ormai supera un euro al litro) hanno effetti devastanti nel settore. Le serre subiscono i danni più pesanti. Ma anche per le altre aziende è emergenza. Secondo le prime stime, c’è il rischio che a fine 2011 l’intero mondo agricolo sia costretto a sostenere un ulteriore pesante “fardello” da oltre 2 miliardi di euro, determinato proprio dai rialzi del petrolio. E’ quanto sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori in occasione del nuovo record storico registrato dal prezzo della benzina nel nostro Paese.

Di fronte ad un’escalation del genere -avverte la Cia- c’è il fondato pericolo che migliaia di imprese possano uscire dal mercato. A rendere più difficile la situazione per l’agricoltura c’è l’abolizione, nel novembre del 2009, delle agevolazioni (l’accisa zero) sull’acquisto di gasolio per le serre.

Oltretutto, la stagione invernale, appena passata, ha lasciato il segno. Soprattutto, da parte delle serre è cresciuto il ricorso al riscaldamento delle strutture e ciò ha determinato un incremento di consumi di carburanti, con il relativo aggravio nella gestione aziendale. Non solo. I lavori primaverili delle campagne e l’utilizzo massiccio di macchinari provoca ulteriori problemi di carattere economico per le imprese agricole che già fanno i conti con costi pesanti e con prezzi non certo remunerativi.

Per questa ragione, la Cia chiede non solo la reintroduzione, ma anche l’estensione del “bonus gasolio” per tutte le aziende agricole, in considerazione dei gravosi oneri produttivi e contributivi che sono costrette a sostenere.

 

Fonte: Cia Nazionale

Notizie


I Nostri Partner:

CIA - Confederazione Italiana Agricoltori
-
-
CIHEAM - IAMB (apertura in una nuova finestra)
-
Codita (apertura in una nuova finestra)

Finanziatori:

Regione Puglia
spacer
Unione Europea
intervento cofinanziato dall'U.E. F.E.S.R. sul POR Puglia 2000-2006
Misura 6.2 POR Puglia
Azione C "Sviluppo delle imprese e delle professioni"
Valid HTML 4.01 Transitional 
-
Valid CSS! 
-
Level Triple-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

-
Cia Puglia, Via S. Matarrese, 4 - 70124 Bari - Tel 080.5616025 Fax 080.5641379 COD. FISC. 80016260723 - info@scianet.it
www.scianet.it é una testata giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa del Tribunale di Bari al n° 37/07.
Direttore responsabile: Antonio Barile