Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Header - Logo CIA

Ricerca

 

Area Riservata

 
 


Colonna Centrale: Contenuti

Percorso corrente:

23 marzo 2011
UN CASO DI AZIENDA BIO: L'AGRITURISMO AMICIZIA


Immagini | 1-10 |  11-20 |  21-30 |  31-40 | 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
1.jpg
2.jpg
3.jpg
4.jpg
5.jpg
6.jpg
7.jpg
8.jpg
9.jpg
10.jpg
11.jpg
12.jpg
13.jpg
14.jpg
15.jpg
16.jpg
17.jpg
18.jpg
19.jpg
20.jpg
21.jpg
22.jpg
23.jpg
24.jpg
25.jpg
26.jpg
27.jpg
28.jpg
29.jpg
30.jpg
31.jpg
32.jpg
33.jpg
34.jpg
35.jpg
36.jpg
37.jpg
38.jpg
39.jpg
40.jpg
Caponio.jpg

Quando il ritorno alle origini e alle tipicità è fonte di ripresa economica e allo stesso tempo di tutela dell’ambiente e dell’ecosistema. Lo testimonia la storia della azienda Amicizia, ubicata in un’area dove il ritorno agli allevamenti di un tempo e alle tradizioni degli avi ha permesso di coniugare l’attività agricola all’ambiente, di fare reddito ma allo stesso tempo di produrre prodotti biologici e tipici rispettando la natura. In questa scheda-intervista al titolare dell’azienda, Pietro Caponio, scoprirete quanto abbia influenzato sul futuro dell’azienda la scelta di ritornare al passato.

Denominazione e localizzazione azienda

AZIENDA AGRITURISTICA AMICIZIA

di PIETRO CAPONIO

Contrada C. Fasano, 162 (S.P. per Santeramo)

Cassano delle Murge (Bari)

 

Tipo di conduzione

Familiare

 

Nome, età del titolare e titolo di studio

Pietro Caponio, 49 anni, licenza media inferiore

 

Ha rilevato l’azienda dal padre o dal nonno?

Da mio padre, che a sua volta l’aveva rilevata da mio nonno.

 

Si è insediato con i premi di primo insediamento del Psr?

Si

 

La storia dell’azienda:

Questa azienda è stata fondata da mio nonno nel 1910. All’epoca allevava cavalli, pecore e bovini. Mio padre l’ha portata avanti e l’ha fatta crescere. Col nostro arrivo negli anni ’80 c’è stato uno sviluppo dell’azienda con l’ingrandimento dell’allevamento (con 150 bovini e 300 ovini) e con un nuovo e moderno sistema di allevamento meccanizzato. Nel 1987 una infezione agli animali allevati, la “brucellosi”, ci ha costretto ad abbattere tutti i capi. Si è, a questo punto, presentato il problema della riconversione. Dopo questa batosta, siamo partiti con una azienda più piccola, ripartendo con piccole quantità di animali ed in particolare di bovini di razza Frisona, e prestando attenzione al discorso della trasformazione aziendale, realizzando il caseificio aziendale, ed abbiamo anche iniziato a coltivare il vigneto e l’oliveto e a produrre ortaggi. Ad un certo punto, nel 2005, si è presentato il problema relativo al basso prezzo del latte. Ci siamo resi conto che qualcosa non andava. Che l’allevamento intensivo di Frisona ci portava ad avere i boschi ed i campi sempre più pieni di erba (con tutti i rischi ed i costi conseguenti per coltivarli) ed il portafoglio sempre più vuoto a causa degli elevati costi per i mangimi. Nel 2006, dunque, abbiamo cambiato totalmente razza di bovini passando ad un incrocio tra “Bruna Alpina” e “Podalica” che prende il nome di “Grigia Alpina”. Si tratta di una razza che è predisposta al territorio murgiano e boschivo, dal quale trae nutrimento, abbassando dunque i costi di produzione ed, in compenso, aumentando anche la qualità del prodotto in quanto fornisce ai formaggi il sapore delle quattro stagioni, ovvero il sapore cambia da stagione a stagione in base alle diverse erbe spontanee presenti sulla murgia, delle quali si nutrono gli animali. La presenza della vacca “Grigio alpina” ha determinato sulla Murgia il ritorno delle Beccaccia, un uccello che sino a qualche tempo fa era scomparso. Un ritorno che è stato determinato dal ritorno delle vacche nelle aree boschive, in quanto questo uccello si nutre, proprio, dello sterco bovino. L’allevamento di questa vacca, quindi, ci ha portato ad abbassare i costi di produzione. Un’altra operazione che abbiamo compiuto ultimamente, sempre per abbassare i costi di produzione, è stata quella di dotarci di una caldaia che ci permette di recuperare i residui e gli scarti di potatura degli alberi. Residui e scarti che maciniamo e mettiamo nella caldaia che, a sua volta, ci fornisce calore che serve ad alimentare il caseificio aziendale e a riscaldare l’agriturismo, permettendoci di abbattere i costi per l’acquisto di energia e recuperare reddito. Oltre a ciò abbiamo impiantato sull’azienda un piccolo impianto fotovoltaico che alimenta la struttura.

 

La destinazione produttiva dell’azienda:

E’ prettamente una azienda zootecnica, nella quale si coltiva anche vigneto, oliveto e ortaggi. Prodotti questi ultimi, ovvero il vino, l’olio e gli ortaggi, che vengono destinati alla vendita diretta e all’utilizzo presso il nostro agriturismo, dove, appunto, consumiamo e vendiamo prodotti a chilometro 0, con un punto vendita aziendale.

 

Che cosa produce?

Per la maggior parte prodotti caseari, ma anche vino, ortaggi (cavoli, finocchi, cime di rapa, cicoria, etc.), sott’oli, miele. Tutti prodotti a coltivazione biologica.

 

Caratteristiche dei prodotti aziendali:

Sono prodotti tipici, unici e biologici.

 

Quanto è estesa l’azienda?

L’azienda è estesa 250 ettari.

 

I terreni sono di proprietà o vengono condotti in fitto?

I terreni in proprietà sono 100 ettari; i restanti 150 ettari, che comprendono il bosco, li conduciamo in comodato.

 

Ha allevamento?

Si. Alleviamo 110 bovini, 20 pecore e 50 maiali. Questi ultimi li utilizziamo per produrre salumi destinati alla ristorazione aziendale.

 

È una azienda multifunzionale?

Si. Oltre alla attività agricola si svolge anche l’attività agrituristica. Disponiamo di 15 camere per un totale di 30 posti letto. Lavoriamo molto con gli stranieri, soprattutto nel periodo primaverile ed estivo. Nei week end e nel periodo invernale lavoriamo, invece, prettamente con ospiti locali. Offriamo anche corsi di equitazione e passeggiate a cavallo nei boschi.

 

Rientra in aree protette, parchi naturali e parchi naturali?

Si, in zona Sic.

 

L’organizzazione aziendale (quante persone vi operano)?

La gestione è prettamente familiare. Oltre a me, in azienda vi lavora mia moglie e le mie due figlie. Inoltre abbiamo due dipendenti fissi che sono impiegati nell’allevamento e nell’agricoltura, e due saltuari che vengono impiegati nell’agriturismo.

 

Quante giornate annue impiega?

All’incirca duemila giornate lavorative.

 

Ha uno spaccio aziendale?

Si, presso l’azienda.

 

Come è  organizzata la rete commerciale e come viene piazzato il prodotto?

I nostri prodotti li vendiamo prettamente presso il nostro spaccio aziendale o li utilizziamo nella ristorazione presso il nostro agriturismo. Per la vendita diretta aderiamo al circuito della “Spesa in campagna” della Cia (Confederazione italiana agricoltori)

 

Somministra alimenti e/o fa ristorazione?

Si, presso il nostro agriturismo offriamo cucina tipica contadina.

 

Come è andata l’ultima annata?

Non ci possiamo lamentare, perché l’agriturismo ci permette di lavorare e di vendere i nostri prodotti.

 

Quali i problemi e le difficoltà che si incontrano?

Il problema principale è la burocrazia che ammazza l’agricoltura. Adesso qualcosa si sta cominciando a snellire. Però c’è tanto da fare. Per partecipare ad una fiera, ad esempio, ci sono tutta una serie di problemi burocratici da superare e di documenti da preparare.

 

Quali le soddisfazioni?

La soddisfazione principale è quella di vivere a contatto con la terra. È una sensazione spettacolare. In primavera vado in giro con i semi in tasca perché dove trovo una goccia d’acqua ci metto un seme. L’acqua e la terra portano la vita. Ad esempio pianto qua e là delle zucche che poi utilizziamo per la ristorazione.

 

Quali i programmi per il futuro?

Realizzare una piccola cantina per produrre vini aziendali, ed un punto vendita della carne proveniente dai nostri allevamenti. L’obiettivo è di fare vendita diretta in azienda ma anche organizzare delle degustazioni in azienda a contatto con la natura.

I recapiti dell’azienda:

Tel. 080.763393  Fax 080.763556 

www.amicizia.it   info@amicizia.it

Scheda-intervista redatta da  Giannicola D’Amico

 

Progetto: Difesa del suolo e gestione della risorsa acqua.
Codice POR09VIIIBA21.1 approvato con D.D. n. 262 del 24 dicembre 2009 – BURP n. 23 supp. 1 del 04/02/2010, da Provincia di Bari – Servizio Pubblica Istruzione, Formazione Professionale, Sport, finanziato da Fondo Sociale Europeo


    I Nostri Partner:

    CIA - Confederazione Italiana Agricoltori
    -
    -
    CIHEAM - IAMB (apertura in una nuova finestra)
    -
    Codita (apertura in una nuova finestra)

    Finanziatori:

    Regione Puglia
    spacer
    Unione Europea
    intervento cofinanziato dall'U.E. F.E.S.R. sul POR Puglia 2000-2006
    Misura 6.2 POR Puglia
    Azione C "Sviluppo delle imprese e delle professioni"
    Valid HTML 4.01 Transitional 
    -
    Valid CSS! 
    -
    Level Triple-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

    -
    Cia Puglia, Via S. Matarrese, 4 - 70124 Bari - Tel 080.5616025 Fax 080.5641379 COD. FISC. 80016260723 - info@scianet.it
    www.scianet.it é una testata giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa del Tribunale di Bari al n° 37/07.
    Direttore responsabile: Antonio Barile