Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Header - Logo CIA

Ricerca

 

Area Riservata

 
 


Colonna Centrale: Contenuti

Percorso corrente:

23 marzo 2011
Cia Puglia
I LAVORI DELLA SECONDA ASSEMBLEA INTERREGIONALE DI TURISMO VERDE IN PROVINCIA DI LECCE

1.jpg

Si è tenuta l’altro ieri la seconda Assemblea interregionale (Campania, Puglia, Molise, Calabria, Basilicata, Sicilia e Sardegna) di Turismo Verde, in preparazione dell’Assemblea elettiva nazionale. L’incontro relativo alle Regioni del Sud, si è svolto presso la masseria agrituristica “Casa Porcara” in provincia di Lecce, che dal nome ricorda l’antico allevamento brado dei maiali e che è stata protagonista della grande evoluzione agricola del territorio, dalla coltivazione del grano e del tabacco, all’orticoltura specializzata, fino a diventare una fattoria didattica di eccellenza per l’area meridionale. Il presidente di Turismo Verde Trivellizzi, nella relazione introduttiva, ha ricordato che l’agriturismo è in fase di significativa crescita nel Sud, sia per numero di aziende (più 5 per cento quest’anno) sia per la presenza di ospiti (più 20 per cento). Non è più una realtà di nicchia, ma una punta di diamante dell’agricoltura e dei territori meridionali. E’ importante, però, che l’agriturismo sia autentico, di qualità, fondato su una solida azienda agricola, capace di soddisfare le attese sempre più esigenti e specifiche degli ospiti. Per questo è necessario che sia supportato da normative regionali più omogenee, che rendano la diversità delle singole realtà un valore, non un fattore di confusione.

Il presidente ha ricordato il lavoro fatto in questi anni da Turismo Verde ed ha sottolineato come le modifiche statutarie in discussione, finalizzate al maggior protagonismo degli imprenditori ed alla valorizzazione della multifunzionalità, siano condizione e sprone di ulteriore sviluppo.

Nel dibattito sono intervenuti il presidente della Cia di Lecce, imprenditore agriturista, Giulio Sparascio, il vicepresidente di Turismo Verde Antonio Terrasi ed una decina di imprenditori ed imprenditrici. E’ stata rimarcata la necessità di semplificazione burocratica, ma anche l’importanza di fare rete tra le imprese, le aziende agricole ed il territorio più in generale. L’agriturismo più che individualmente si promuove attraverso il marketing territoriale, che è occasione di generale sviluppo locale.

Donato Petruzzi, vicepresidente della Cia della Puglia, nel suo intervento conclusivo, ha sottolineato come l’agriturismo di qualità sia testimone dello sviluppo dell’agricoltura di questi anni, della salvaguardia delle tradizioni migliori, delle produzioni tipiche, della valorizzazione dell’ambiente e del paesaggio. Ed ha sottolineato l’impegno della Cia per il suo ulteriore sviluppo a partire dalla richiesta per il rinnovo della legislazione, per renderla più adeguata rispetto ai cambiamenti ed alle necessità del settore.

L’Assemblea, infine, ha eletto i delegati per l’Assemblea nazionale di Turismo Verde del prossimo 13 aprile a Roma, con oltre il 40 per cento di giovani imprenditrici: dato che da solo dimostra la vitalità del settore nel Sud.

 

Fonte: CIA nazionale 2.jpg 3.jpg 4.jpg

I Nostri Partner:

CIA - Confederazione Italiana Agricoltori
-
-
CIHEAM - IAMB (apertura in una nuova finestra)
-
Codita (apertura in una nuova finestra)

Finanziatori:

Regione Puglia
spacer
Unione Europea
intervento cofinanziato dall'U.E. F.E.S.R. sul POR Puglia 2000-2006
Misura 6.2 POR Puglia
Azione C "Sviluppo delle imprese e delle professioni"
Valid HTML 4.01 Transitional 
-
Valid CSS! 
-
Level Triple-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

-
Cia Puglia, Via S. Matarrese, 4 - 70124 Bari - Tel 080.5616025 Fax 080.5641379 COD. FISC. 80016260723 - info@scianet.it
www.scianet.it é una testata giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa del Tribunale di Bari al n° 37/07.
Direttore responsabile: Antonio Barile