Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 

Chiudi Minimizza News Cia - Cia Brindisi

16 marzo 2011

SICUREZZA NELLE CAMPAGNE: LA CIA DI BRINDISI HA INCONTRATO MANTOVANO

La Cia (Confederazione italiana agricoltori) di Brindisi ha incontrato lunedì sera a Fasano l’on. Alfredo Mantovano, Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Interno con delega alla pubblica sicurezza. Il presidente provinciale della Cia di Brindisi Luigi D’Amico accompagnato dai dirigenti della sede Cia fasanese ha sottoposto all’on. Mantovano la questione della sicurezza nelle campagne soprattutto relativamente ai furti di trattori e di attrezzi agricoli. L’ultimo in ordine di tempo il furto di tre trattori, di cui due seminuovi, da una azienda agricola in agro di Montalbano di Fasano avvenuto nella notte tra l’8 ed il 9 marzo scorso.

La Cia di Brindisi ha consegnato al sottosegretario Mantovano un documento che ripercorre la situazione relativa alla criminalità nelle campagne, riportata anche nel “3° Rapporto sulla criminalità in agricoltura della Confederazione Italiana Agricoltori” realizzato dalla Fondazione Humus, e nel quale si chiede di: potenziare, rafforzare e coordinare tra loro le forze dell’ordine operanti a Fasano nel controllo delle aree rurali al fine di reprimere i reati; approfondire le indagini a seguito dei rinvenimenti di trattori e attrezzature rubate per risalire ai legittimi proprietari; impiegare a tal fine anche il Corpo Forestale dello Stato, la Polizia Provinciale e la Polizia Municipale; potenziare i controlli ai varchi doganali.

“Ringraziamo il Sottosegretario Mantovano per averci dato la possibilità di incontrarlo e per aver posto alla sua attenzione il problema dei furti nelle campagne fasanesi – evidenzia il presidente della Cia di Brindisi Luigi D’Amico -. L’onorevole Mantovano si è impegnato ad interessare della questione la Prefettura di Brindisi e le forze dell’ordine per concordare una serie di iniziative sul territorio di contrasto al fenomeno”.