Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Header - Logo CIA

Ricerca

 

Area Riservata

 
 


Colonna Centrale: Contenuti

Percorso corrente:

25 febbraio 2011
Cia Puglia
ENERGIE RINNOVABILI, AGRICOLTORI PROTAGONISTI

CONVEGNO%20ENERGIE%201.jpg

Grande partecipazione di agricoltori, di tecnici e di esperti, questa mattina al Convegno regionale sul tema “Energie rinnovabili, agricoltori protagonisti”, organizzato dalla Confederazione Italiana Agricoltori Puglia e svoltosi presso l’Hotel Sheraton a Bari.
Ad aprire i lavori è stato il Presidente della Cia Puglia Antonio Barile (segue dichiarazione), cui è seguita la relazione di Marino Berton, Presidente nazionale dell’Aiel (Associazione italiana energie agroforestali) che è l’associazione della C.I.A. che si occupa della promozione  e della diffusione delle fonti energetiche rinnovabili di origine agricola e forestale nonché lo sviluppo del loro utilizzo energetico.
A seguire sono intervenuti l’Amministratore di “Agricoltura è vita – Appennino” Rico Farnesi, il responsabile del progetto “Masseria solare” Silvio Rubbia che è anche docente al Politecnico di Milano, il responsabile della Lipu Puglia Enzo Cripezzi, il ricercatore universitario Antonio Pantaleo, il responsabile nazionale del Dipartimento sviluppo agroalimentare e del territorio della C.I.A. Giuseppe Cornacchia, l’Assessore regionale alle risorse agroalimentari Dario Stefàno. Ha concluso l’Assessore regionale alla qualità del territorio Angela Barbanente.

 

 

Dichiarazione del Presidente della Cia Puglia Antonio Barile

 

“Gli agricoltori devono essere i protagonisti principali della produzione delle energie rinnovabili. La Puglia deve dire basta alla grande speculazione energetica e al mercato delle pratiche per le connessioni e le autorizzazioni che si è sviluppato in modo distorto nella nostra regione.
La Puglia, prima che il nostro paesaggio agrario sia definitivamente compromesso dai grandi parchi energetici, deve passare alla produzione sostenibile di energie rinnovabili.
La Cia Puglia condivide la promozione  e lo sviluppo dell'energia da fonti rinnovabili  per i benefici sociali, ambientali ed economici che la green economy può rappresentare per il nostro paese, ma pone altresì l'accento sulla necessità che tutto ciò avvenga nel segno di uno sviluppo locale sostenibile e non come mera occasione di speculazione o di impatto negativo per il territorio e il paesaggio.
In Puglia si pone una grande questione relativa alle energie rinnovabili, solare ed eolico, poiché vi sono richieste di connessione a Terna (Società proprietaria della rete  nazionale di energia elettrica) di una  potenza di ben 48mila Megawatt, cioè il 40% del totale nazionale  che è di 120mila Megawatt.
E’ evidente che ci troviamo di fronte a una richiesta abnorme mossa dalla speculazione sui certificati verdi proveniente da ogni parte d’Italia e d’Europa, che vede l’infiltrazione anche della criminalità organizzata. L’approvazione nel settembre 2010 con enorme ritardo, attesa da sette anni, da parte del governo delle linee guida nazionali unitamente all’assenza di controlli seri di regioni e comuni, ha favorito la speculazione e l’istallazione selvaggia di parchi eolici e fotovoltaici slegati dagli interessi diffusi sul territorio.
Infatti non è stato considerato il ruolo delle aziende agricole per la produzione di energie rinnovabili in un sistema diffuso e sostenibile di produzione energetica, attraverso microimpianti aziendali in alternativa alla creazione dei macro poli energetici ad alto impatto ambientale.  E’ stato trascurato quanto più volte la Cia ha proposto sull’esigenza di creare un’integrazione al reddito agricolo attraverso l’attività connessa di produzione energetica da fonti rinnovabili.
La Cia Puglia propone innanzitutto la moratoria e/o il respingimento delle richieste di connessione dei grandi parchi eolici. fotovoltaici e di biomasse non autoctone, e di adeguare le linee guida regionali e assegnare la priorità alle connessioni e alle istallazioni richieste dalla aziende agricole singole e associate.
La Cia Puglia chiede agli assessori regionali Stefano e Barbanente di istituire un tavolo di concertazione sulle energie rinnovabili e gli impatti sul territorio agricolo con le organizzazioni professionali agricole e le Province pugliesi.”
CONVEGNO%20ENERGIE%202.jpg CONVEGNO%20ENERGIE%203.jpg CONVEGNO%20ENERGIE%204.jpg

I Nostri Partner:

CIA - Confederazione Italiana Agricoltori
-
-
CIHEAM - IAMB (apertura in una nuova finestra)
-
Codita (apertura in una nuova finestra)

Finanziatori:

Regione Puglia
spacer
Unione Europea
intervento cofinanziato dall'U.E. F.E.S.R. sul POR Puglia 2000-2006
Misura 6.2 POR Puglia
Azione C "Sviluppo delle imprese e delle professioni"
Valid HTML 4.01 Transitional 
-
Valid CSS! 
-
Level Triple-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

-
Cia Puglia, Via S. Matarrese, 4 - 70124 Bari - Tel 080.5616025 Fax 080.5641379 COD. FISC. 80016260723 - info@scianet.it
www.scianet.it é una testata giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa del Tribunale di Bari al n° 37/07.
Direttore responsabile: Antonio Barile