Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 

Chiudi Minimizza News Cia - Cia Lecce

15 febbraio 2011

LE PROPOSTE DELLA CIA DI LECCE PER UNA INCISIVA AZIONE DEI GAL A FAVORE DELLO SVILUPPO RURALE

Si è tenuto ieri a Nardò, presso la Masseria Bellimento, un incontro di lavoro sull'attività dei Gruppi di Azione Locali della provincia di Lecce, in preparazione dei bandi di prossima emanazione. L'incontro è stato introdotto dal Presidente Provinciale Giulio Sparascio e dal responsabile  Provinciale Cia Gal e Parchi Giovanni Parente. Ha partecipato all'incontro Domenico Mastrogiovanni ( responsabile nazionale Cia dei Leader e Parchi).

Il Presidente Sparascio ha ricordato l'esigenza di dare una valenza sempre più significativa alla presenza della Cia all'interno dei Consigli di Amministrazione dei Gruppi di Azione Locale, per migliorare la qualità della vita degli agricoltori e delle aree rurali e per affermare la validità di un nuovo ruolo dell'agricoltore, anche in previsione della nuova Politica Agricola Comune.

Giovanni Parente ha poi ricordato il ruolo decisivo e propositivo dei Gal per lo sviluppo Rurale  e delle aree presidiate prevalentemente dagli agricoltori, dagli agriturismi, dalle masserie didattiche. Ha confermato tutto il suo impegno e tutta la sua disponibilità per il coordinamento delle esperienze Cia in questo settore.

Sono intervenuti diversi dirigenti ed agricoltori ed ha concluso i lavori Domenico Mastrogiovanni che ha ribadito l'importanza di vigilare affinché le azioni dei Gal siano destinate per lo Sviluppo Rurale nelle campagne e non nelle città e spostare i servizi dai centri urbani alle campagne. I Centri di Informazione da individuare in campagna a tutela dell'ambiente e della vivibilità delle aree scarsamente popolate, prevedendo l'accessibilità a nuove tecnologie, alla Banda Larga, tale da rompere l'isolamento degli agricoltori e la promozione di uno sviluppo rurale armonico con la società.