Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 

Chiudi Minimizza News - News SciaNet

07 febbraio 2011

STEFÀNO: IL 10 MARZO TERMINE PER RICHIESTA AIUTI A IMPRESE

Scadrà il 10 marzo prossimo il termine ultimo per presentare richiesta per ottenere gli aiuti 'de minimis' destinati alle imprese agricole pugliesi che hanno pagato interessi passivi nell'anno 2009 a seguito di operazioni di credito a breve termine con le banche. E' quanto ha annunciato l'Assessore regionale alle Risorse Agroalimentari Dario Stefano. Per l'assessore questo e' ''un ulteriore strumento che conferma l'attenzione della Regione Puglia verso l'agricoltura, in controtendenza rispetto al dato nazionale. Uno strumento, che va incontro ai produttori più piccoli su di un tema, quello del credito, che molto spesso rappresenta una variabile che incide molto sui bilanci delle piccole imprese''. ''L'intervento - prosegue Stefano - tiene conto dei limiti che i regolamenti comunitari ci consentono perché non si configuri uno sconfinamento nell'aiuto di Stato''. Un intervento, secondo l'assessore alle Risorse Agroalimentari, che giunge ''in una fase particolarmente interessante dell'agricoltura pugliese, in cui gli indicatori cominciano a farci intravedere qualche segnale positivo e buona parte del sistema e' impegnato nella implementazione della strategia del Piano di Sviluppo Rurale della Puglia'. La domanda in questione dovrà essere presentata esclusivamente on-line all'indirizzo www.uma.regione.puglia.it e dovrà essere compilata direttamente dal titolare della azienda agricola. Per ottenere l'aiuto si dovrà rispettare la normativa comunitaria in materia 'de minimis' e si dovrà dimostrare di essere imprenditori agricoli iscritti alla Camera di Commercio nell'elenco speciale degli imprenditori agricoli e titolare di impresa agricola e di essere iscritti all'Inps nella gestione previdenziale ed assistenziale dei Coltivatori Diretti e/o degli Imprenditori Agricoli Professionali.

 

Fonte: Repubblica Bari