Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Header - Logo CIA

Ricerca

 

Area Riservata

 
 


Colonna Centrale: Contenuti

Percorso corrente:

18 gennaio 2011
Rifiuti
SISTRI: UNA PROROGA DI CINQUE MESI

Sistri-le-falle-del-nuovo-sistema-di-tracciabilit%C3%A0-dei-rifiuti.jpg

E' stato prorogato di cinque mesi l'annunciato decreto del Ministero dell'Ambiente sul Sistri. La proroga di cinque mesi del periodo transitorio di operatività del Sistri (Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti) e del sistema sanzionatorio, disposto dal ministro dell'ambiente Stefania Prestigiacomo, tiene conto degli oggettivi problemi riscontrati sul territorio e consente a tutto il sistema imprenditoriale di adeguarsi alle nuove, complesse procedure e attuare gli interventi sul sistema informatico e gestionale indispensabili per operare nel rispetto delle disposizioni di legge. Le principali conseguenze di tale modifica sono per le imprese agricole, di continuare a seguire le stesse procedure operative seguite dal 1° ottobre 2010 ad oggi, cioè continuare a verificare la funzionalità del sistema Sistri, con l’obbligo però di mantenere la gestione cartacea della tracciabilità (formulari e registri di carico e scarico, per chi ne era soggetto); L’applicabilità delle sanzioni per il Sistri decorrerà dal 1° giugno 2011. Infatti il decreto legislativo 205/2010, introducendo le sanzioni Sistri, ne dispone l’applicabilità a decorrere dal giorno successivo alla scadenza del termine che è stato per l’appunto oggetto di proroga; Le nuove disposizioni introdotte dall’art. 16 del decreto legislativo 205/2010 - cioè la modifica degli articoli 188, 189, 190 e 193, e l’introduzione degli articoli 188 bis e 188 ter – entreranno in vigore il 1° giugno 2011, in quanto anche la loro applicabilità dipende dal termine appena prorogato. Ne consegue che anche l’obbligo del registro di carico e scarico per le imprese che trasportano in proprio i rifiuti non pericolosi, introdotto dal nuovo articolo 190, ricade in tale proroga.


I Nostri Partner:

CIA - Confederazione Italiana Agricoltori
-
-
CIHEAM - IAMB (apertura in una nuova finestra)
-
Codita (apertura in una nuova finestra)

Finanziatori:

Regione Puglia
spacer
Unione Europea
intervento cofinanziato dall'U.E. F.E.S.R. sul POR Puglia 2000-2006
Misura 6.2 POR Puglia
Azione C "Sviluppo delle imprese e delle professioni"
Valid HTML 4.01 Transitional 
-
Valid CSS! 
-
Level Triple-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

-
Cia Puglia, Via S. Matarrese, 4 - 70124 Bari - Tel 080.5616025 Fax 080.5641379 COD. FISC. 80016260723 - info@scianet.it
www.scianet.it é una testata giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa del Tribunale di Bari al n° 37/07.
Direttore responsabile: Antonio Barile