Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Header - Logo CIA

Ricerca

 

Area Riservata

 
 


Colonna Centrale: Contenuti

Percorso corrente:

19 novembre 2009
News SciaNet
EMERGENZA AGRICOLTURA: LA PROTESTA DELLA CIA SI SPOSTA A ROMA

manifestazionecia.jpg

Il 24 novembre due grandi sit-in con migliaia di produttori. Dopo il successo delle manifestazioni interregionali di Milano, Perugia e Napoli e delle tante iniziative, anche con altre organizzazioni, svoltesi a livello territoriale, la mobilitazione fa tappa nella capitale. Si protesterà davanti alla Camera (in occasione della discussione della finanziaria) e dei ministeri delle Politiche agricole e dell’Economia. Dichiarare lo stato di crisi per il settore. Il presidente Politi rinnova l’invito ad un impegno unitario del mondo agricolo e chiede incontri con i presidenti del Senato Schifani e della Camera Fini.

 

Dopo Milano, Perugia e Napoli, manifestazioni interregionali in cui si è registrato uno straordinario successo, e di iniziative territoriali, anche con altre organizzazioni, il prossimo appuntamento della mobilitazione promossa dalla Cia-Confederazione italiana agricoltori in tutto il Paese sarà a Roma martedì 24 novembre. Due grandi sit-in, a partire dalle ore 9.00, si terranno in piazza Montecitorio, davanti alla Camera dei Deputati (dove si discuterà della legge finanziaria per il 2010), e in via XX Settembre, di fronte ai ministeri delle Politiche agricole, alimentari e forestali e dell’Economia e delle Finanze. Nella capitale è previsto l’arrivo di migliaia di produttori agricoli provenienti da tutte le regioni.

Una manifestazione di protesta -sottolinea la Cia- per sollecitare attenzione ai gravi problemi delle imprese e per richiedere tempestive misure, a cominciare dalla dichiarazione dello stato di crisi, indispensabile per rinviare i pagamenti contributivi e fiscali che oggi tantissimi agricoltori, sotto il peso dei costi alle stelle e di prezzi sui campi in caduta libera, non sono nelle condizioni di adempiere.

La situazione è resa ancora più grave -avverte la Cia- a causa della mancanza di politiche e di interventi che diano reali sostegni alle imprese. Lo stesso maxi-emendamento alla finanziaria 2010, approvato dal Senato e ora in discussione alla Camera, appare come una farsa nei confronti del settore. E’ vero che è previsto un finanziamento al Fondo di solidarietà nazionale per le calamità naturali e una proroga al 31 luglio prossimo della fiscalizzazione degli oneri sociali per le zone svantaggiate e di montagna, ma è altrettanto vero che questi soldi vengono sottratti al altre “voci” già destinate all’agricoltura. Un semplice spostamento di risorse che non cambia le carte in tavola. Lo scenario complessivo resta gravissimo, di piena emergenza.

Un contesto drammatico che ha spinto il presidente nazionale della Cia Giuseppe Politi a rinnovare l’appello per un impegno unitario dell’intero mondo agricolo, dalle organizzazioni professionali agli agricoltori. Un’esigenza questa che viene proprio dai produttori che vogliono avere più forza contrattuale e far sentire in positivo il loro “peso” nelle scelte di politica economica e sociale.

Non a caso, nel corso della manifestazione interregionale di Napoli, il presidente della Cia, il cui appello all’unità è stato accolto con un forte applauso degli agricoltori presenti, ha evidenziato che un’azione comune e condivisa da parte delle organizzazioni è dettato dall’impellente esigenza di difendere con maggiore determinazione le imprese e i redditi dei produttori, di ridurre i costi, di dare certezze. Ignorare questa necessità significa operare contro il settore e i suoi tanti protagonisti che sono gli imprenditori agricoli.

In vista dei due sit-in romani e delle altre iniziative in programma nell’ambito della mobilitazione, il presidente della Cia ha chiesto, in una lettera, incontri con i presidenti del Senato Renato Schifani e della Camera Gianfranco Fini ai quali illustrare, attraverso la presentazione di un documento, i motivi che sono alla base della protesta del mondo agricolo.

 

Fonte: Cia Nazionale


I Nostri Partner:

CIA - Confederazione Italiana Agricoltori
-
-
CIHEAM - IAMB (apertura in una nuova finestra)
-
Codita (apertura in una nuova finestra)

Finanziatori:

Regione Puglia
spacer
Unione Europea
intervento cofinanziato dall'U.E. F.E.S.R. sul POR Puglia 2000-2006
Misura 6.2 POR Puglia
Azione C "Sviluppo delle imprese e delle professioni"
Valid HTML 4.01 Transitional 
-
Valid CSS! 
-
Level Triple-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

-
Cia Puglia, Via S. Matarrese, 4 - 70124 Bari - Tel 080.5616025 Fax 080.5641379 COD. FISC. 80016260723 - info@scianet.it
www.scianet.it é una testata giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa del Tribunale di Bari al n° 37/07.
Direttore responsabile: Antonio Barile