Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 

Chiudi Minimizza News - News SciaNet

20 aprile 2009

AL VIA PRIMI BANDI PSR 2007-2013

Con la determinazione del dirigente del Servizio Agricoltura n. 592 del 2/4/2009 è stato emanato il bando per la presentazione delle domande di concessione degli aiuti previsti dalle misure 211 “Indennità compensative degli svantaggi naturali a favore degli agricoltori delle zone montane” e 212 “Indennità compensative degli svantaggi naturali a favore degli agricoltori delle aree svantaggiate, diverse dalle zone montane” del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013.
L’intervento ha l’obiettivo di garantire la salvaguardia del territorio, di favorire il mantenimento di una comunità rurale vitale nelle zone minacciate da spopolamento, di mantenere e favorire metodi di produzione agricola ecosostenibile.

Per l’ammissibilità al premio della misura 211 è necessario il rispetto delle seguenti condizioni:

-         Carico di bestiame per unità di superficie condotta compreso tra 0,2 e 1,4 UBA/ha.

-         Superficie minima (SAU) di 2 ha in aree classificate montane (art. 50, paragrafo 2 del Reg. (CE) n.1698/2005) complessivamente investita a prati e pascoli e/o colture foraggere e/o vigneti per uva da vino e/o agrumeti. L’aiuto previsto è di 55,00 €/ha per i pascoli e 120,00 €/ha per le foraggere, vite da vino ed agrumi.

Per l’ammissibilità al premio della misura 212 è necessario il rispetto delle seguenti condizioni:
- Carico di bestiame per unità di superficie condotta compreso tra 0,2 e 1,4 UBA/ha.
- Superficie minima (SAU) di 5 ha nelle aree classificate svantaggiate (art. 50, paragrafo 3 del Reg. (CE) n.1698/2005) investita a prati e pascoli e a colture foraggere. L’aiuto previsto è di 45,00 €/ha per i pascoli e 100,00 €/ha per le foraggere.

Il bando, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n.54 del 9 aprile 2009, definisce i soggetti beneficiari, le modalità di presentazione delle domande per la concessione degli aiuti previsti, le condizioni di ammissibilità, gli impegni, gli obblighi, i controlli, nonché tutte le fasi del procedimento amministrativo per la formazione delle graduatorie delle domande ammissibili.
Le domande di aiuto, presentate tramite i C.A.A., i tecnici abilitati dalla Regione Puglia e la stessa Regione, devono essere compilate, stampate e rilasciate secondo le procedure stabilite dall’Organismo Pagatore (AGEA), sul portale SIAN, a partire dal giorno 10 aprile 2009 e fino al 15 maggio 2009.

Il bando è stato pubblicato anche sui siti www.regione.puglia.it e http://infoagricoltura.interfree.it. È stata disposta, altresì, la pubblicazione delle notizie sopra riportate su tre quotidiani, per una maggiore diffusione del bando.


Bando Misura 214 – Azione 1


Con la determinazione del dirigente del Servizio Alimentazione n. 240 del 10/4/2009 è stato emanato il bando per la presentazione delle domande di concessione degli aiuti previsti dalla misura 214 Azione 1 “Pagamenti Agroambientali - Agricoltura Biologica” del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013.

L’intervento ha l’obiettivo di garantire la salvaguardia del territorio, di favorire il mantenimento di una comunità rurale vitale nelle zone minacciate da spopolamento, di mantenere e favorire metodi di produzione agricola ecosostenibile, ai fini della diffusione di tecniche agronomiche rispettose dell’ambiente e della biodiversità, finanziando il metodo di coltivazione biologico.
La Misura consiste nella concessione di un sostegno economico pluriennale per le imprese che introducono e mantengono per un quinquennio il metodo di produzione biologica, attuato secondo le norme previste dal Reg. (CE) n. 834/2007e s.m.i..

I beneficiari dell’ Azione sono gli imprenditori agricoli iscritti nel registro delle imprese agricole della CCIAA che, in base ad un legittimo titolo di possesso, conducono aziende agricole.
L’intera azienda agricola deve essere inserita nel sistema di certificazione biologica ed è tenuta a notificare la propria attività biologica, prima del rilascio della domanda sul portale SIAN, ad un Organismo di Controllo autorizzato dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e alla Regione Puglia.

L’azione potrà essere realizzata sull’intero territorio regionale.
Le aziende ricadenti nelle aree rurali ad agricoltura intensiva specializzata e nei poli urbani debbono possedere una superficie minima accorpata per accedere ai finanziamenti di 15 ha per le colture arboree e di 30 ha per le colture erbacee; tale superficie può essere afferente anche a più imprese.
I premi concedibili sono di seguito indicati.


COLTURE PREMI  (Euro/ha/anno)

 

 
1. Cereali 96
2. Pomodoro 357
3. Patata 247
4. Orticole ed altre erbacee 259
5. Olivo 335
6. Vite da tavola 770
7. Vite da vino 506
8. Agrumi 812
9. Ciliegio 456
10. Altre drupacee 738


I criteri di selezione delle domande sono di seguito indicati.

Criteri di selezione Punteggio
SAU aziendale ricadente dal 20 al 40% in zone vulnerabili ai sensi della Direttiva 91/676/CEE, Zone di Protezione Speciale (ZPS) e Siti di Importanza Comunitaria (SIC) individuati in applicazione della Direttiva 79/409/CEE e 92/43/CEE, zone a rischio erosione e aree protette.
2


SAU aziendale ricadente con più del 40% fino all’80% in zone vulnerabili ai sensi della Direttiva 91/676/CEE, Zone di Protezione Speciale (ZPS) e Siti di Importanza Comunitaria (SIC) individuati in applicazione della Direttiva 79/409/CEE e 92/43/CEE, zone a rischio erosione e aree protette.
4


SAU aziendale ricadente con più del 80% fino al 100% in zone vulnerabili ai sensi della Direttiva 91/676/CEE, Zone di Protezione Speciale (ZPS) e Siti di Importanza Comunitaria (SIC) individuati in applicazione della Direttiva 79/409/CEE e 92/43/CEE, zone a rischio erosione e aree protette.
6


Operatori che hanno presentato notifica di assoggettamento alla certificazione di agricoltura biologica dal 2008.
2


Contemporanea adesione della azienda alla Misura 216-Azione 1.
1

Il bando, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 58 del 16 aprile 2009, definisce i soggetti beneficiari, le modalità di presentazione delle domande per la concessione degli aiuti previsti, le condizioni di ammissibilità, gli impegni, gli obblighi, i controlli, nonché tutte le fasi del procedimento amministrativo per la formazione delle graduatorie delle domande ammissibili.
Le domande di adesione vanno presentate informaticamente sulla applicazione del portale SIAN gestito dall’AGEA per il tramite dei CAA, dei tecnici abilitati dalla Regione Puglia, della stessa Regione (solo in caso di detenzione del fascicolo aziendale) o dallo stesso beneficiario, entro il 15 maggio 2009.

Il bando è stato pubblicato anche sui siti www.regione.puglia.it e http://infoagricoltura.interfree.it. È stata disposta, altresì, la pubblicazione delle notizie sopra riportate su tre quotidiani, per una maggiore diffusione del bando.

 

Fonte: REGIONE PUGLIA