Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 

Chiudi Minimizza News Cia - Cia Puglia

27 settembre 2008

APPELLO DELLA CIA PUGLIA: IL COMUNE DI FASANO ADERISCA AL GAL

La Cia Puglia lancia un appello al Comune di Fasano (in provincia di Brindisi) affinché aderisca al più presto al Gal (Gruppo di azione locale).

“In un territorio a fortissima vocazione agricola quale è quello del comune di Fasano è impensabile che l’Amministrazione Comunale tardi ad aderire ad uno dei Gal operativi nella zona – è il commento di Donato Petruzzi (nella foto), vicepresidente regionale vicario della Confederazione italiana agricoltori di Puglia -. Come è risaputo i Gal nell’ambito della programmazione dei fondi comunitari e del nuovo Psr (piano di sviluppo rurale) 2007-2013, i cui bandi saranno pubblicati a breve, rivestiranno un ruolo di fondamentale importanza nella erogazione di finanziamenti per il rilancio del settore agricolo. Ad oggi il Comune di Fasano, nonostante le rassicurazioni in merito – spiega Petruzzi -, sta tardando a formalizzare la propria adesione al Gal. Una simile situazione non può che compromettere seriamente il futuro dell’agricoltura fasanese. Una agricoltura intensiva che rappresenta il primo settore produttivo del territorio e che potrebbe non vedersi riconosciuti milioni di euro di finanziamenti comunitari e regionali solo perché il Comune di Fasano non riesce ancora a stanziare pochissime centinaia di euro per aderire al Gal. Non c’è più tempo da perdere. I Gal, ormai – conclude il vicepresidente regionale vicario della Cia -, rappresenteranno il volano per lo sviluppo rurale della Puglia. Come Cia, dunque, facciamo appello alla sensibilità del sindaco della città Lello Di Bari e agli amministratori comunali affinché si faccia presto per consentire alle migliaia di imprese agricole del territorio di poter usufruire delle prossime opportunità contenute nel Piano di sviluppo rurale della Regione Puglia 2007-2013”.