Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 

Chiudi Minimizza News - News SciaNet

23 luglio 2008

ISTITUITA IN PUGLIA L’ENOTECA ED ELAIOTECA REGIONALE

Il Consiglio regionale della Puglia il 22 luglio scorso ha approvato all’unanimità l’istituzione dell’enoteca e dell’elaioteca regionale, che darà sicuramente un contributo alla valorizzazione dei vini, degli oli e dei relativi territori della nostra regione. La doppia funzione di promozione dei prodotti e del territorio sarà possibile anche perché l’enoelaioteca avrà sia una sede regionale, che una sede per ciascuna delle province  pugliesi.

L’enoelaioteca potrà svolgere la sua attività promozionale anche attraverso manifestazioni, degustazioni, convegni che coinvolgeranno le altre produzioni tipiche e le peculiarità dei territori. Sono previste iniziative per promuovere e valorizzare le tradizioni e le identità culturali dei territori che hanno vocazione alla produzione del vino e dell’olio; la formazione di figure professionali esperte nei settori viticolo, vinicolo, olivicolo ed elaiotecnica; la diffusione di pubblicazioni e materiale informativo per la promozione in Italia e all’estero dei nostri vini e dei nostri oli.

La Regione concederà finanziamenti e contributi per il funzionamento della struttura, mentre le province si faranno carico di mettere a disposizione in una città ad alto interesse turistico i locali che saranno la sede della Enoelaioteca. L’unione delle Camere di commercio metterà a disposizione il personale a cui affidare il controllo di ciascuna sede.

Soddisfazione per l’approvazione della legge regionale sull’enoteca ed elaioteca è stata espressa dal presidente della quarta commissione della Regione Puglia che ha licenziato il Ddl, Dario Stefàno, dall’assessore regionale alle risorse agroalimentari Enzo Russo, e dai consiglieri regionali Pina Marmo e Giovanni De Leonardis.

 

Fonte: Consiglio regionale della Puglia